Google Grants per le No Profit: grandi cambiamenti dal 1° gennaio 2018

Google Grants

Google Grants per le No Profit: grandi cambiamenti dal 1° gennaio 2018

Come certamente sanno molte organizzazioni no profit, Google prevede un apposito account, chiamato Google Ad Grants, grazie al quale è possibile ottenere 10.000 $ al mese in pubblicità su Google AdWords.

Le caratteristiche base di Google Ad Grants attualmente sono:

  • Limite di budget giornaliero di 329 $, che equivale a circa 10,000 $ al mese.
  • Un costo per clic (CPC) massimo di 2.00 $USD.
  • Sono consentite solo campagne con targeting per parole chiave.
  • Sono inclusi solo annunci di testo che appaiono nelle pagine dei risultati di ricerca di Google, in posizioni al di sotto degli annunci della pubblicità a pagamento.

In passato era disponibile anche una versione “avanzata” da circa 40.000 $ al mese chiamata Grantspro ma da agosto 2017 non è più possibile iscriversi e Google non ha rilasciato altre informazioni a riguardo.

Qualche giorno fa Google ha comunicato via email che alcune condizioni saranno cambiate. Una di queste è positiva, le altre sono restrizioni a cui occorrerà prestare particolare attenzione se non vogliamo correre il rischio di vedere soppresso il nostro account entro i primi mesi del 2018.

Quella positiva è la rimozione del limite di 2 $ per l’offerta massima applicabile alle campagne che utilizzano l’offerta per massimizzare le conversioni.

Quelle restrittive sono:

  • Non è più possibile utilizzare parole chiave che si riferiscono a brand di cui non siamo legittimi proprietari.
  • Non è più possibile utilizzare parole chiave generiche quali “ebook”,  “notizie di oggi”, “download di giochi”, “avviso di lavoro”.
  • Non sarà più possibile utilizzare parole chiave con punteggio di qualità (QS) inferiore a 2.
  • Per quanto riguarda l’account occorrerà avere:
    • Un targeting geografico pertinente.
    • Almeno due gruppi di annunci per ogni campagna con almeno due annunci attivi ciascuno.
    • Almeno due estensioni di sitelink.
    • Il rendimento complessivo dell’account deve mantenere il 5% complessivo di click-through. Chi non sottostà a questo vincolo per oltre 2 mesi consecutivi, vedrà il proprio account sospeso. Questo nuovo limite è particolarmente restrittivo e ha di fatto quintuplicato il requisito minimo che, lo ricordiamo, era del 1%.

Nel caso non sia possibile soddisfare i requisiti specificati sopra si può utilizzare AdWords Express che imposta automaticamente la struttura dell’account.

Gli account che violano le norme del programma possono essere sospesi automaticamente e senza preavviso. In questo malaugurato caso puoi richiederne il ripristino dopo aver apportato le modifiche necessarie per renderlo conforme.

Commenti

Commenta per primo!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 + due =